Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

amoris-testina Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

Cultura

Gli organisti

LA TRADIZIONE MUSICALE A CHIOGGIA - III

Anche G. Diruta nella nostra cattedrale

il-transilvanoPer quanto riguarda gli organisti della cattedrale di Chioggia, compito che venne più chiaramente distinto da quello di maestro di coro, come abbiamo detto, nella seconda decade del sec. XV, questo risulta l’elenco attualmente disponibile (in grassetto i nomi più prestigiosi) - dalla fine del XIV secolo agli inizi del XVII - includendo anche i primi maestri di musica, cui spettava forse il duplice compito:

1357: Magister Michele Musicus

1395: Pre Antonio Cavazzino, canonico clugiense

1419: Pre Nicolò Fragerio de Leodio (da Liegi) (ne parleremo specificamente).

1420: Fra Piero de Venero, frate minore

1421-1440: Nicolò Cavazzino (probabilmente parente di Antonio, citato in più documenti)1

1487: Maestro Gregorio di Piero2

Read more: Gli organisti

Il Fondaco e il genio femminile

“I mille volti del genio femminile”

L’obiettivo del programma 2017 di Chioggiaincontra (Fondaco) : ascoltare esperienze di donne e uomini

susanna.tamaroIl titolo può sembrare coraggioso, perché in realtà tanti aspetti della vita delle donne sono ancora caratterizzati da una condizione fortemente problematica sia nelle società occidentali (si pensi al fenomeno della violenza domestica), sia nelle altre società dove il ruolo della donna è ancora in gran parte da sviluppare, se non fortemente discriminato.
Le donne sono, ancora troppo spesso, escluse dai processi decisionali, in politica e nelle carriere sul posto di lavoro soprattutto ai più alti livelli, ricoprendo scarsamente ruoli di leadership.
Il genio femminile spesso però si è dimostrato nella storia sociale e nell’esperienza personale un fattore indispensabile per uno sviluppo integrale della convivenza tra le generazioni, tra gli uomini e tra i popoli.

Read more: Il Fondaco e il genio femminile

Le case della tradizione

COSTUME & SOCIETA’

Le Cesarine cucinano piatti tipici regionali per curiosi e nostalgici

cesarineSe si facesse un sondaggio a livello nazionale alla ricerca di chi tiene nascosto nel cassetto il sogno di aprire una trattoria o un bed and breakfast spunterebbero migliaia di nomi. Di ogni età ed estrazione sociale e, soprattutto, di ogni provenienza, perché basta mettere piede in Italia e restarvi per qualche mese per essere contagiati dalla più grande passione che ci contraddistingue: il cibo. Anzi, la buona tavola, quella della tradizione, con la pasta fatta in casa e il ragù che cuoce lentamente per ore. In Italia si pranza e spesso si cena rapidamente, con un occhio alle notizie del tg e l’altro alla presentazione da ultimare per la riunione del giorno dopo, oppure si mangia qualche forchettata riordinando casa o caricando la lavatrice. I pasti veloci sono un’abitudine della quale si farebbe volentieri a meno, e non solo per la conseguente acidità di stomaco e cattiva digestione. Il piacere dello stare a tavola come una volta manca a chiunque, dagli adolescenti ai sessantenni, perché le persone più sagge non vi hanno mai rinunciato. Così di tanto in tanto si ritrova il gusto di mangiare bene, con lentezza, assaporando prima il vapore profumato e poi il boccone.

Read more: Le case della tradizione