Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

amoris-testina Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

Polesine

Obbligo di etichetta per il riso

COLDIRETTI ROVIGO

Coldiretti-Riso“E’ giunto il momento che anche il riso abbia l’etichettatura d’origine, per consentire al consumatore di scegliere il prodotto che ritiene più affidabile e sicuro e per fermare il falso Made in Italy. Per questo il 13 aprile scorso con una delegazione polesana di produttori di riso, siamo stati a Roma per protestare e far sentire la nostra voce, pretendendo il riconoscimento del valore e dell’identità del riso italiano”. Così il direttore provinciale Silvio Parizzi è intervenuto in occasione del sit in promosso a Roma davanti al Mipaaf, con risicoltori rodigini, veronesi e vicentini, gli stessi che coltivano oltre tremila ettari del territorio regionale. Gli agricoltori devono vendere oggi ben tre chili di risone per pagarsi un caffè, a causa di speculazioni ed inganni che colpiscono le risaie nazionali e danneggiano i consumatori. “Il risone italiano viene pagato tra i 32 ed i 36 centesimi al chilo per l’Arborio e dai 33 ai 38 centesimi al chilo per il Carnaroli – sottolinea Parizzi -, mentre le varietà che arrivano dall’Asia vengono pagate ad un prezzo che è circa la metà di quanto costa produrle in Italia, nel rispetto delle norme sulla sicurezza alimentare ed ambientale e dei diritti dei lavoratori”.

Read more: Obbligo di etichetta per il riso

I delfini ...in Centrale

PARCO DEL DELTA DEL PO - Centrale Enel

Possibile rifugio per delfini

centrale enelIl Parco Regionale Veneto Delta del Po, considerato che in Europa oltre 300 delfini tursiopi vengono detenuti in cattività, che in Italia tutti i delfini in cattività appartengono a questa specie e che fra il 2012 e il 2015 sono stati registrati 628 spiaggiamenti di delfini dei quali solo 34 sono stati trovati vivi, prospetta una soluzione al problema. “Quando un delfino si spiaggia o quando dei delfini in cattività vengono sequestrati dalle autorità o provengono da un delfinario dismesso - afferma Marco Gottardi, direttore del Parco - è impossibile trovare per questi mammiferi marini un alloggio temporaneo o permanente in un ambiente quanto più vicino alle loro esigenze etologiche naturali”. “In Italia - continua Gottardi - al momento non esiste un luogo idoneo dove curare, riabilitare e ospitare i delfini in caso di necessità.

Read more: I delfini...in Centrale

La trivella sul giacimentoTeodorico: parere negativo

PARCO DEL DELTA DEL PO. Estrazione degli Idrocarburi

trivelle-polesineIl Parco Regionale Veneto Delta del Po interviene con delle “osservazioni” sul probabile significativo impatto ambientale con la messa in produzione del giacimento convenzionalmente denominato “Teodorico” mediante l’installazione di una piattaforma, la realizzazione di due pozzi e la posa di due linee laterali che collegano la nuova piattaforma alla piattaforma Naomi-Pandora. Le osservazioni complete, trasmesse al Ministero dell’Ambiente, sono già pubblicate sul sito del Ministero stesso “minambiente.it” pagina Sezione Via-Vas. Il Delta del Po è un territorio assai giovane il cui rapporto con le acque è sempre stato complesso. La maggior parte delle zone umide di transizione, dolci e salmastre, sono state eliminate con vari interventi di bonifica. La subsidenza naturale, sommata alla subsidenza artificiale provocata dal prosciugarsi del suolo e in generale dalla sottrazione di acque e gas (anni ‘50/‘60) da varie profondità, ha fatto in modo che negli ultimi 100 anni estesi settori del territorio si siano portati al di sotto del livello del mare, fino ad oltre 4 metri (i pesci nuotano sopra il volo degli uccelli!). Solo con l’impianto di costosissime idrovore questo territorio è preservato dalle inondazioni ma il rischio idraulico è sempre elevato.

Read more: La trivella sul giacimentoTeodorico: parere negativo