Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

chierichetti Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

100 “card spesa” in distribuzione

CARITAS E COMUNE DI CHIOGGIA

Presso l’Emporio della Solidarietà a Borgo San Giovanni

emporio-solidarietaSono in continuo aumento coloro che si rivolgono all’Emporio della Solidarietà gestito dalla Caritas a Borgo S. Giovanni oltre che ai servizi sociali del Comune per chiedere aiuti per beni di prima necessità tramite la cosiddetta card spesa. Dal momento che non è possibile esaudire tutte le richieste, il Rotary Club di Chioggia ha pensato bene di finanziare 100 card spesa. Si tratta di una tessera magnetica con la quale è possibile, per chi ne ha diritto, poter fare la spesa. “Quest’anno ne stiamo distribuendo un centinaio – dice don Marino Callegari, direttore della Caritas – ma con un certo criterio, al fine di educare i fruitori a spendere con parsimonia. Come vengono individuati i soggetti fruitori? Attraverso centri di ascolto smistati nel territorio e attraverso i Servizi Sociali. Si controlla accuratamente la situazione di ciascuna famiglia e dopo viene consegnata la card, che si può usare in molti supermercati del territorio, grazie, ovviamente, a una convenzione stipulata con alcuni grandi marchi. Ovvio che poi tutte le spese effettuate vengono rendicontate con gli scontrini onde controllare che le card siano state usate per l’acquisto di beni non voluttuari”. Don Marino ci tiene a sottolineare il fatto che occorre fare un altro passo avanti nel senso di lasciare alle spalle le vecchie forme di assistenzialismo e aprire verso una prospettiva di accompagnamento educando, come detto, ad un uso corretto di cibo e denaro.

Doveroso sottolineare che il Rotary di Chioggia sostiene dal punto di vista economico per il quarto anno questa iniziativa. Anche l’assessore al sociale, Patrizia Trapella, ci tiene a segnalare come le emergenze non manchino, dovute in buona parte alle cosiddette “nuove povertà” e cercando altresì di accompagnare le famiglie bisognose in un percorso indispensabile di crescita.

 a. p.