Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie in conformità (clicca per leggere) alla direttiva europea 2009/136/CE.

amoris-testina Testata-NS testina-sito
Settimanale di informazione della diocesi di Chioggia, redazione: Rione Duomo 735 - tel 0415500562 nuovascintilla@gmail.com
Menu

Vita diocesana

“Grandi cose ha fatto in me...”

GMG DIOCESANA 2017

PORTO TOLLE. Festa per i giovani

Vescovo-PalazzettoSi è svolta come da tradizione alla vigilia della Domenica delle Palme, nella serata dell’8 aprile scorso, la Giornata Mondiale della Gioventù. Quest’anno la si è vissuta nel palazzetto dello sport di Porto Tolle. Il tema scelto da papa Francesco è “Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente”. Infatti, per tre anni, fino al gennaio 2019 quando la GMG sarà vissuta a Panama, sarà la figura di Maria ad accompagnare la gioventù cristiana. Fin dalle prime ore del pomeriggio i giovani hanno reso familiare e accogliente il palazzetto. Alle 18, i vari animatori hanno iniziato a mettere in movimento i presenti con musica e bans. Il momento centrale è stato il dialogo con i genitori di Giulia Gabrieli, una ragazzina bergamasca, morta a 14 anni, nel 2011. Un video con protagonista la stessa giovane qualche tempo prima della sua scomparsa ha dato il la per un dialogo fraterno coi giovani.

Read more: “Grandi cose ha fatto in me...”

Cavarzere. Casa “Madonna del Cenacolo”

Preghiera, Parola di Dio, vita comune

Il vescovo Adriano incontra i sacerdoti ospiti, in occasione della Pasqua

Incontro Vescovo sacerdoti bisSabato 8 aprile, nella tarda mattinata, il vescovo Adriano è giunto presso la Casa del Clero “Madonna del Cenacolo” di Cavarzere per porgere ai sacerdoti ospiti l’augurio di Pasqua concelebrando insieme l’Eucaristia. L’incontro liturgico è stato animato dall’organista Ginetto Cappello, che ringraziamo per la disponibilità, avendo contribuito a rendere più solenne e festoso l’incontro di preghiera. Raccolti nella cappella della Casa, alle ore 11 si è dato inizio alla concelebrazione. Il vescovo ha introdotto il commento dei testi delle letture del giorno con una frase proverbiale: “Il Signore scrive dritto anche su righe storte”. Caifa, infatti, sommo sacerdote in quell’anno, come riferisce l’evangelista Giovanni, decreta la condanna di Gesù affermando “che è conveniente che un solo uomo muoia per il popolo e non vada in rovina la nazione intera”. Questa tragica decisione sulla vita di Gesù – la riga storta (e quante cose storte sperimentiamo anche noi nella vita) - nei piani di Dio però è diventata insperata salvezza per tutti gli uomini – ecco la riga dritta – e quindi, sottolineava il vescovo, la possibilità per noi di valorizzare i momenti anche negativi della nostra vita.

Read more: Cavarzere. Casa “Madonna del Cenacolo”

I giovani, la fede e il discernimento vocazionale

COMMENTANDO...

Il Sinodo del 2018

Vescovo-PalazzettoTutta la Chiesa sarà chiamata, i giovani per primi, a interrogarsi in questo tempo sulla fede e sulle scelte che ciascuno è chiamato a fare di fronte alla chiamata del Signore. Questo significa discernimento vocazionale. Io vorrei condividere con voi e comunicarvi qualche ‘provocazione’ sulla fede.

Innanzitutto ritengo che “credere” significhi fare delle scelte radicali, talvolta trasgressive, che  permettono di uscire da quell’atteggiamento che inquadra in una vita ‘già vista’, già determinata dall’adulto e dalle strutture, e che quasi impedisce di dare spazio a desideri di libertà e di vita più autentica. E’ vero che il desiderio di ‘uscire’ può far nascere anche la paura di trovarsi senza sicurezze e senza protezioni, magari in balia delle proprie debolezze o delle ingenuità proprie di chi ha ancora una esperienza limitata della vita. Penso che anche Gesù, ormai trentenne, sia apparso ai più come un tipo “radicale e trasgressivo”, che parlava di Dio in maniera diversa dall’idea di Dio che avevano i più del suo tempo.

Read more: I giovani, la fede e il discernimento vocazionale